Utenti MT

Adeguamento

Gli articoli 39.1 e 39.2 della delibera 646/2015/R/eel e s.m.i. definiscono i requisiti tecnici minimi che devono essere rispettati per avere accesso agli indennizzi automatici di cui al comma 38.2 per il numero annuo di interruzioni senza preavviso lunghe più brevi eccedenti gli standard specifici di cui all’articolo 37 e ai rimborsi per interruzioni prolungate di cui all’articolo 53 eccedenti gli standard specifici di cui all’articolo 51.
Gli utenti MT che intendono documentare il rispetto dei requisiti, devono inviare a A. Distribuzione Reti Trani, anche tramite il venditore, una dichiarazione di adeguatezza (art. 40 Del. 646/2015/R/eel).

La dichiarazione di adeguatezza deve essere inviata a AMET S.p.A. utilizzando il seguente modulo fac-simile, ai sensi della delibera dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente nr.780/2016/R/eel: Dichiarazione di adeguatezza ai sensi della 780/2016/R/eel

L’indirizzo al quale  inviare il documento è il seguente:

A. Distribuzione Reti Trani bu di AMET S.p.A.
Piazza Plebiscito, 20
76125 Trani
distribuzione@pec.adistribuzioneretitrani.it
distribuzione@adistribuzioneretitrani.it

Gli utenti MT che non rispettino i requisiti tecnici di cui ai commi 39.1 o 39.2, o non abbiano inviato a A. Distribuzione Reti Trani la dichiarazione di adeguatezza di cui al comma 40.1, sono tenuti a versare un corrispettivo tariffario specifico CTS.

Calcolo del corrispettivo tariffario specifico CTSPrendi visione delle modalità di calcolo del CTS e visualizza alcuni esempi di calcolo in base alla potenza impegnata.

Gli utenti MT che non rispettino i requisiti tecnici di cui ai commi 39.1 o 39.2, o non abbiano inviato a A. Distribuzione Reti Trani la dichiarazione di adeguatezza di cui al comma 40.1, sono tenuti a versare un corrispettivo tariffario specifico CTS. Il corrispettivo tariffario specifico CTS è pari, su base annua, a:

500,00

per gli utenti MT con PD pari o inferiore a 400kW

(500+750*[(PD-400)/400]0,7)

per gli utenti MT con PD superiore a 400kW e inferiore o uguale a 3.000 kW

3.280,36

per gli utenti MT con PD superiore a 3.000 kWIl

PD è il valore massimo tra la potenza disponibile in prelievo e la potenza disponibile in immissione valutate al 1° gennaio dell’anno cui il calcolo del CTS si riferisce.

La corresponsione del CTS viene sospesa al momento dell’invio all’impresa distributrice della dichiarazione di adeguatezza di cui al comma 40.1. Nel caso in cui il controllo di cui al comma 40.6 evidenzi la non rispondenza dell’impianto ai requisiti tecnici di cui ai commi 39.1 o 39.2 o 39.3 l’utente MT è tenuto al versamento del corrispettivo tariffario specifico con decorrenza dalla data di invio della dichiarazione di adeguatezza di cui al comma 40.1 o, qualora tale dichiarazione sia stata inviata in un anno precedente a quello di effettuazione del controllo, con decorrenza dal 1° gennaio dell’anno di effettuazione del controllo.

Con decorrenza 1 gennaio 2012, ogni impresa distributrice fattura ai propri utenti MT in solo prelievo o in prelievo ed immissione tenuti alla corresponsione del corrispettivo tariffario specifico CTS ogni importo mensile di CTS, pari ad 1/12 dell’importo annuo dovuto, indicando per ognuna di esse il mese e l’anno cui si riferisce. Tali importi mensili devono avere evidenza specifica nei documenti di fatturazione del trasporto. Il venditore è tenuto ad includere nella prima fatturazione utile ai propri utenti MT le medesime informazioni secondo il medesimo dettaglio.

Con decorrenza 1 gennaio 2012, nel periodo novembre-dicembre di ogni anno, ogni impresa distributrice fattura ai propri utenti MT in sola immissione, tenuti alla corresponsione del corrispettivo tariffario specifico CTS, l’importo annuo di CTS dovuto, indicando l’anno cui si riferisce.

Come prevede l’articolo 15 dell’Allegato B alla Delibera 646/2015/R/eel dell’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico, l’utente è costretto alla corresponsione di un CTS maggiorato (CTSM) se rientra nelle casistiche previste dagli articoli 9 e 10 del suddetto allegato.

Coordinamento delle protezioni tra la rete MT di set ed utenti attivi e passivi connessi

Come previsto dall’art. 44.1 della delibera 646/2015/R/eel, nel documento allegato sono riportati esempi, per casi tipici, di coordinamento tra le protezioni dei clienti e delle altre utenze e le protezioni della rete MT di A.

Portale utenti MTI clienti allacciati alla rete di distribuzione elettrica di AMET S.p.A. ed alimentati in MT possono accedere alle comunicazioni tecniche previste dalla delibera ARG/elt n. 198/11 attraverso il Portale Utenti MT.

Il portale permette di accedere nell’area riservata, a cui ogni utente MT può accedere tramite USER ID e Password e di consultare le informazioni relative ai propri punti fornitura (POD).

Elenco interruzioni

Elenco interruzioni con e senza preavviso lunghe (di durata superiore ai 180 secondi), brevi (di durata compresa tra 180 e 1 secondo) e transitorie (di durata minore o uguale ad 1 secondo) nel corso degli anni precedenti a quello in corso

Criteri di taratura

Criteri di taratura delle protezioni e stato di esercizio del neutro della rete MT a cui l’utenza è sottesa

Eventuali indennizzi

Ammontare degli eventuali indennizzi corrisposti da AMET S.p.A. in caso di superamento del numero e/o della durata delle interruzioni

Corrispettivo Tariffario

ammontare del Corrispettivo Tariffario Specifico CTS da versare, in caso di non adeguatezza dell’impianto di fornitura

Portale Utenti MT

Consultazione dati personali

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per salvare le preferenze di navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando sul bottone di accettazione, acconsentirai all'uso dei cookie.